Internazionali di Beach Tennis di Lignano Sabbiadoro

casadei_foschi_lignano

L’evoluzione di questa spettacolare pratica sportiva è senza limiti: nata sulle spiagge romagnole ha avuto rapida diffusione sul litorale romano, in Puglia, Sicilia, Toscana, Marche e Sardegna. Nel mondo si gioca ad alto livello nelle isole del Sud Oceano Indiano, in Brasile, Russia, Caraibi, Spagna e Germania. Il recente Campionato del Mondo svolto a Cervia ha visto al via atleti e atlete di 22 nazioni, con oltre 2000 spettatori entusiasti per le partite finali. In Friuli si erano già avuti interessanti esperimenti con giocatori di alto livello, l’ultimo dei quali a Grado, grazie al dinamismo del promotore locale Massimo Latta, ma è nella soffice sabbia di Lignano (apprezzata da tutti i giocatori per la perfetta compatibilità con le esigenze di salto e di spostamento veloce) che si è avuto l’episodio di maggior qualità per la stagione 2013.

In campo maschile sorprendente vittoria dei giovanissimi romagnoli Teo Casadei e Mattia Foschi, al loro primo risultato di prestigio e con evidenti carte in regola per un prossimo futuro da protagonisti. I due hanno regolato i “senatori” Di Cori-Montanari negli ottavi e Bianchedi-Chirico (reduci dai mondiali di Cervia) in semifinale. Equilibrata la finale, dove il loro gioco potente e concreto non è stato tradito dall’emozione dell’imponente arena centrale. Ne hanno fatto le spese gli avversari Barbieri e Folegatti, sconfitti nonostante qualche sprazzo della loro indubbia classe. Sottotono il torneo del campione più atteso, Luca Meliconi, semifinalista ai Mondiali, che, abbinato ad un partner non abituale come Sciolti, è uscito ai quarti. Qualche applauso, ma pochi risultati per le coppie slovene e austriache che hanno conferito il carattere di internazionalità all’evento.

Fra le ragazze successo di Silvia Storari (“stasera in difesa mi sembrava d’essere Marco: le pigliavo proprio tutte!” ha esclamato raggiante la viareggina riferendosi alle prodezze del fratello, portiere della Juve) e della romagnola Natascia Sciolti. Le due hanno regolato le ravennati Marino e Ridolfi, che avevano faticosamente estromesso in semifinale le favorite Servidori-Cappelli.

A margine si sono svolti con successo di partecipanti anche i tornei nella divertente specialità del “misto” e un torneo limitato ad atleti di quarta categoria, con molti friulani fra gli iscritti.

L’assessore Vico Meroi ha condotto le premiazioni finali, sottolineando l’impegno dell’Amministrazione per inserire in modo permanente Lignano nel programma nazionale dei tornei più importanti, puntando su un aumento del montepremi e su un maggior coinvolgimento del pubblico. “Le premesse per costruire un grande evento da offrire ai frequentatori della nostra spiaggia – ha assicurato Meroi – ci sono tutte”.

a cura di Marco Ortolani

FONTE ARTICOLO: http://www.beachtennistime.net

Questa voce è stata pubblicata in Beach Tennis, Dirty Surf Shop e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *