Quinto Campionato del Mondo di Beach Tennis

itf_v_campionato_del_mondo_beach_tennis

Quest’anno la sede scelta dall’ITF (Federazione Internazionale Tennis) è CERVIA, che ospiterà la manifestazione sugli 8 campi allestiti al Bagno Delfino, teatro da 8 anni del Torneo “Città di Cervia” considerato l’appuntamento beachtennistico più prestigioso al mondo.

Da Mercoledì 31 inizieranno le gare del Campionato del Mondo, con il primo turno (16mi di finale) dei tabelloni maschili e femminili. Giovedì 1, Venerdì 2 e Sabato 3 si svolgeranno gli altri turni eliminatori, e domenica 4 agosto si terranno le finali. L’arena di gioco è capace di 2000 spettatori e sono ormai tradizionali, al “Delfino” di Cervia, i “pienoni” di un pubblico appassionato e competente, elemento decisivo per la denominazione “Wimbledon del beach tennis” che il torneo cervese ha saputo meritare.

Ai due tabelloni maschili e femminili parteciperanno 32 coppie: 20 di diritto in base al ranking, 9 wild card FIT (destinate a giocatori di Paesi con meno possibilità di acquisire punteggio internazionale), 3 in palio nei tornei di qualificazione. Ventidue le nazioni al via, con giocatori e giocatrici italiani – ancora favoriti – a difendere il titolo conquistato in Bulgaria lo scorso anno, soprattutto dall’attacco di brasiliani, russi, francesi, giapponesi, statunitensi, spagnoli.

Le gare sono iniziate ufficialmente il 26 luglio con due giorni dedicati ad un torneo di qualificazione maschile e femminile che si sono conclusi, in un pomeriggio torrido (45 gradi registrati in campo). Si è trattato di una competizione FIT (la Federazione Italiana) dotata di 500 euro di montepremi per ciascun tabellone, maschile e femminile, il vero “premio”, però, sta nella possibilità per le prime 3 classificate di accedere al main draw del Mondiale (organizzato sotto egida ITF, la federazione internazionale del tennis). In campo maschile (36 coppie al via) il torneo è stato vinto dal 37enne riminese Carlo Conti (più volte in luce nelle precedenti edizioni del “Delfino”) accoppiato al 23enne concittadino Mikael Alessi. I due hanno avuto la meglio in finale su Fabio Tarlazzi e Simone Babini. Nell’inedito spareggio per il terzo e quarto posto sono stati Pesaresi Francesco e Lazzarini Alberto ad aggiudicarsi l’ultimo passaggio per il tabellone principale dei Campionati Mondiali battendo Enrico Cinosi e Michele Morosato.

Il tabellone femminile (con 15 coppie iscritte) è stato vinto dalle favorite, le lughesi Giorgia Gadoni e Camilla Ponti, protagoniste di un “percorso netto” senza perdere nemmeno un set. In finale hanno superato l’esperta Patrizia Pirazzinie la giovane Martina Corbara, entrambe ravennati. Il terzo “pass” per il tabellone mondiale è andato a Elisa Marino eValentina Ridolfi.

Sono pertanto noti i nomi delle 32 coppie maschili e 32 femminili che si contenderanno il titolo mondiale: 20 come da ranking internazionale, 9 da wild card ITF e 3 uscite dalle qualificazioni.

Concluso invece ieri (ndr. 28 luglio) il torneo-esibizione denominato “Dolphin Stars”, con 38 gradi all’ombra (oltre 52 gradi al sole, misurati nei campi di gioco) e percentuali quasi totali di umidità a fare da cornice alla terza giornata della kermesse mondiale cervese. Vi hanno preso parte 16 giocatori e 16 giocatrici scelti fra i migliori italiani del ranking (gli stranieri arriveranno solo martedì). Pochissime le defezioni e, pertanto, tabellone molto ricco. La formula prevedeva tre turni eliminatori con accoppiamento casuale dei giocatori.

Al termine di questa fase risultavano imbattuti tre giocatori non teste di serie, ovvero la romagnola Natascia Sciolti fra le donne e Maikel Alessi e Simone Babini fra gli uomini. Un risultato un po’ a sorpresa, frutto anche dell’anomala formula del torneo. Il rimescolamento “giallo” dei qualificati alla semifinale proponeva la gara fra l’ex bi-campione del mondo Meliconi e il veterano riccionese Bartolini, che si imponevano sui giovani Carli (vincitore al Delfino nel 2012) e Alessi. Il tandem di attaccanti composto dal ravennate Alan Maldini (mondiale nel 2010 a Roma) e dal cesenate Michele Cappelletti (detentore del Delfino 2012), si imponeva in rimonta sugli ostici Babini-Cramarossa.

La finale (per la quale la sorte riproponeva gli stessi abbinamenti) vedeva Maldini e Cappelletti soffrire in avvio, ma imporsi ancora in rimonta su Meliconi e Bartolini, il cui leggero calo nel finale non inficiava la sua netta affermazione come miglior giocatore del torneo. Anche in campo femminile il sorteggio riconfermava negli ultimi due turni le stesse composizioni di coppia. Così la tarantina Eva D’Elia e la sammarinese Alice Grandi superavano prima Corbara-Berardi e poi, in finale, Ponti-Gadoni (che avevano battuto Sciolti-Curzi).

a cura dell’ufficio stampa dei campionati mondiali: Marco Ortolani

FONTE: http://www.beachtennistime.net/

Questa voce è stata pubblicata in Beach Tennis, Dirty Surf Shop e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *